FANDOM


La bestia uccide a sangue freddo
La bestia uccide a sangue freddo
Screenshot del film
Titolo originale: La bestia uccide a sangue freddo
Lingua originale: Inglese
Paese: Italia
Anno: 1971
Durata: 92 min
Colore: colore
Audio: sonoro
Rapporto: 2,35:1
Genere: horror slasher, thriller, erotico
Regia: Fernando Di Leo
Soggetto: Fernando Di Leo, Nino Latino
Sceneggiatura: Fernando Di Leo, Nino Latino
Produttore: Tiziano Longo, Armando Novelli
Produttore esecutivo:
Produttore associato: {{{produttoreassociato}}}
Casa di produzione:
Distribuzione (Italia):
Storyboard: {{{nomestoryboard}}}
Art director: {{{nomeartdirector}}}
Character design: {{{nomecharacterdesign}}}
Mecha design: {{{nomemechadesign}}}
Animatori: {{{nomeanimatore}}}
  • Klaus Kinski: Francis Clay
  • Margaret Lee: Charyl
  • Rosalba Neri: Anna Palmer
  • Jane Garret: Claire
  • John Karlsen: Prof. Oesterman
  • Gioia Desideri: Ruth
{{{nomedoppiatorioriginali}}}
{{{nomedoppiatoriitaliani}}}
Episodi:
Fotografia: Franco Villa
Montaggio: Amedeo Giomini
Effetti speciali:
Musiche: Silvano Spadaccino
Tema musicale: {{{temamusicale}}}
Scenografia: Teresa Ferrone, Nicola Tamburo
Costumi: Marcella Moretti
Trucco: Antonio Mura
Sfondi: {{{nomesfondo}}}
Prequel: {{{nomeprequel}}}
Sequel: {{{nomesequel}}}
Si invita a seguire le linee guida del Progetto Film


La bestia uccide a sangue freddo è un film del 1971, diretto da Fernando Di Leo e interpretato da Klaus Kinski.

Trama Modifica

Un uomo di nome Hans si convince a portare la moglie Ruth nella clinica per donne psicopatiche del dott. Oesterman. Ma nello stesso manicomio si aggira un misterioso uomo incappucciato che comincia a compiere una serie di efferati omicidi: attenta alla vita della signora Charyl Hume, uccide decapitandola un'infermiera nel giardino della clinica e pugnala Ruth nel suo letto mentre questa dorme, inoltre chiude all'interno della Vergine di Norimberga l'autista Augusto che era riuscito a vederlo, poi massacra una ninfomane e infine colpisce con una balestra una donna che stava avendo rapporti carnali con un'altra infermiera. Il dr. Oesterman e il suo assistente dr. Francis Klay temono per il futuro della clinica e per questo cercano di minimizzare l'accaduto agli occhi della polizia, poi resisi conto di essere in errore i due contattano l'ispettore Korel che decide di collaborare per catturare l'assassino.

Considerazioni Modifica

È l'unico esempio di cinema horror da parte di Fernando di Leo, regista altrimenti impegnato nella direzione di polizieschi all'italiana, commedie e western. Nonostante il film non sia molto originale, ricalcando la struttura del classico filone thriller/horror diffuso negli anni '70 in Italia (la serie di Dario Argento, Mario Bava...), nel film è evidente una sorta di "tocco d'autore" del regista di "Milano Calibro 9": alcune scene sono riprese mettendo la camera di traverso, in verticale, tecnica utilizzata anche in "Calibro 9" dal regista, mentre è interessante il tentativo di rendere ossessionanti le atmosfere del film mediante musica dall'effetto disturbante e flashback sparsi in tutto il film. Nonostante questa curiosità, il film può risultare apprezzabile solo per la partecipazione di Klaus Kinski.